YOOX NET-A-PORTER offre ai colleghi in Italia l’opportunità di vaccinarsi contro il COVID-19 nelle sedi di lavoro

28 Aprile, 2021

YOOX NET-A-PORTER rimane in prima fila nella lotta alla pandemia e attiva una campagna di vaccinazione anti-Covid-19 su base volontaria e gratuita per i suoi circa 1700 dipendenti basati in Italia, tra Milano e Bologna.

Con il benessere e la salute dei propri dipendenti come massima priorità, il Gruppo ha deciso di aderire al protocollo sottoscritto tra il Ministero del Lavoro, il Ministero della Salute e tutte le parti sociali, per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione nei luoghi di lavoro.

Quest’iniziativa permetterà di proteggere il sistema sanitario nazionale nella lotta contro il COVID-19. Le attività di vaccinazione verranno condotte presso gli uffici e i centri logistici di YOOX NET-A-PORTER, in massima sicurezza e da personale medico qualificato durante l’orario di lavoro.

Dall’inizio della pandemia a marzo dell’anno scorso, il Gruppo ha messo in piedi diverse azioni e iniziative per assicurare la sicurezza dei propri dipendenti. Tra queste, YOOX NET-A-PORTER ha introdotto una serie di misure di sicurezza stringenti e aggiuntive in tutte le proprie sedi che vanno oltre le linee guida del governo, tra cui il distanziamento sociale ei controlli di temperatura all’ingresso, utilizzando una tecnologia termica avanzata. Inoltre, ha sviluppato la app interna Stay Safe per tutti i dipendenti che fornisce informazioni complete e tempestive sulla sicurezza globale e locale.

L’insieme di queste misure di prevenzione hanno permesso al Gruppo di tenere al sicuro i propri colleghi in tutto il mondo, e ad oggi non sono state registrate trasmissioni COVID-19 internamente.

Ulteriormente, in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, a maggio 2020 YOOX NET-A-PORTER ha partecipato al progetto Folding@Home e ha messo a disposizione della comunità scientifica la propria potenza di calcolo per progetti legati alla ricerca sul COVID-19.