Le cure di Clothes Doctor per i nostri capi più amati

Moda non vuol dire solo seguire le ultime tendenze, ma anche raccontare delle storie, ed ogni capo ha la sua. Ecco perché YOOX NET-A-PORTER crede che trattare i vestiti con amore e premura faccia sì che il loro valore e le loro storie si tramandino di generazione in generazione. Nel tentativo di garantire la longevità dei capi venduti, abbiamo collaborato con l’organizzazione Clothes Doctor per fornire al nostro staff di Londra opzioni di manutenzione e rammendo. Un test per dei servizi che possano poi essere d’interesse per i clienti.

La clientela odierna compra di più ma indossa meno. La produzione di vestiti nel settore moda è cresciuta in maniera esponenziale, e a farne le spese sono la qualità e la durata dei capi. Solo nel Regno Unito, ogni anno vanno al macero 350.000 tonnellate di abiti usati ma ancora perfettamente indossabili: ritmi crescenti di consumo che stanno avendo un impatto negativo sull’ambiente. La moda è diventata usa e getta, e noi intendiamo intervenire per porre rimedio.

Estendere la vita media dei capi d’abbigliamento è un aspetto chiave della nostra Infinity Strategy. Vogliamo creare una cultura della moda in cui la qualità sia al primo posto, e per cui le persone sappiano come prendersi cura e rigenerare quello che possiedono già all’interno del proprio guardaroba.

Di seguito i consigli di Clothes Doctor su come prendersi cura del proprio guardaroba.

D. Quali sono i valori dietro Clothes Doctor?

R. Crediamo che ogni nuovo capo debba accompagnarci a vita, non solo per qualche occasione.

Clothes Doctor si batte per promuovere un consumo più consapevole, evitando che i vestiti finiscano in una discarica e riducendo le emissioni legate al ciclo di vita del singolo capo. Grazie al nostro fantastico team di sarte e al nostro range di profumatissimi prodotti naturali e plastic-free, speriamo di dare ai clienti gli strumenti necessari per creare un guardaroba più sostenibile.

D. Qual è il primo passo da intraprendere per tenere i vestiti in uno stato ottimale il più a lungo possibile?

R. Per prima cosa, farli aggiustare regolarmente, intervenendo su eventuali difetti prima che diventino dei veri problemi.

Anche se tutti sappiamo come ci si sente a indossare un capo nuovo, e amiamo farlo, prendendoci cura anche del resto del guardaroba, con rammendi e modifiche frequenti, contribuiamo a una moda dal futuro più sostenibile. Uno strappo è anche il segno che un capo è stato indossato e amato, ed è importante risolvere questi piccoli problemi prima che diventino più seri. Poi bisogna superare la mentalità dell’indossare un abito una volta e via. Estendere la longevità di un capo d’abbigliamento di soli nove mesi, ad esempio, riduce il suo consumo di carbonio, acqua e rifiuti di circa il 20-30%.

Controllare nei nostri armadi regolarmente per vedere se ci siano capi che hanno bisogno di manutenzione, prendendosene cura attraverso riparazioni, modifiche o un eventuale restyling, può estendere la vita dei nostri vestiti preferiti in maniera considerevole.

D. Che consigli potete darci per quanto riguarda la pulizia e il lavaggio?

R. Evitare troppi lavaggi, preferire tecniche di pulizia eco-compatibili e usare basse temperature.

Lavare con cura i nostri vestiti è molto importante, e può davvero allungare la vita dei nostri vestiti e allo stesso tempo ridurre al minimo il loro impatto sull’ambiente. Circa il 25% della carbon footprint di ogni capo d’abbigliamento deriva dal modo in cui lo laviamo.

D. E quando dobbiamo disfarci di vestiti troppo vecchi o irrecuperabili?

Se proprio bisogna farlo, è importante che non finiscano in una discarica. Altre opzioni sono riutilizzarli, rivenderli, organizzare uno swap party, regalarli a un’amica o a un amico, darli in beneficienza o portarli in un centro di riciclaggio tessile.

Le nostre tre regole d’oro:

1

Evitare troppi lavaggi

I vestiti andrebbero lavati solo quando ce n’è realmente bisogno. Meglio appenderli per farli asciugare, tranne i capi in maglia, che andrebbero asciugati su un piano e poi piegati, per evitare che si sformino.

2

Scegliere metodi di lavaggio ecologici

Dei semplici cambiamenti, come il lavaggio a mano anziché andare in tintoria o l’utilizzo di detergenti ecologici e locali, è di grande aiuto. In particolare, i detersivi a base vegetale limi-tano l’impatto sul pianeta.

3

Organizzare il bucato e lavarlo a basse temperature

Lavare i capi al rovescio, usando basse temperature e programmi delicati, può mantenere al meglio anche i vestiti che si indossano ogni giorno. Dividete il bucato in bianchi, colorati e a mano (lana, cachemire, seta e delicati) per preservarne il colore e la trama.

 

In YOOX NET-A-PORTER ci impegniamo ad aiutare i nostri clienti nella cura dei loro capi offrendo servizi dedicati, in tutti i nostri negozi online, entro il 2023. Quest’impegno contribuisce alla trasformazione a Circular Business, parte integrante della nostra strategia Infinity.

Circular Business

Il nostro ecosistema al servizio di una moda senza tempo

Read more